[Vita lesbica]. Scene da una torta

torta

(Non scrivo quale torta, perché è una sorpresa per l’ospite che viene a cena). Io e Piccina ci mettiamo a fare una torta (o meglio, nel mezzo della pastiera di domani e della cena di stasera).

«Piccina, mi aiuti?»

«Prendi il latte dal microonde.»

«E che fai?» Verso la bustina del lievito nella tazza… e ovviamente la riprendo a pelo, dopo che i bordi si sono inzuffati nel latte.

«Si vede che ho imburrato la teglia.»

«È ‘na scusa per non dire che sei cack-handed.»

«Non è che ti meriti. La torta devi mangiarla anche tu.»

«Giro?» si riferisce al lievito.

«Umh-mh.» Guardando con crescente eccitazione il lievito che si gonfia.

«No, ma che figata! Si monta! Come le chiare a neve! Che figata!» Mio sguardo molto perplesso.

«Eddai…»

«Òh, a me da piccola non me l’ha mai fatto fare nessuno! Che bello! Secondo me è bbóno! È una figata!»

«… un’infanzia rovinata la tua, eh?»

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s